Il servitore di due padroni Carlo Goldoni ; a cura di Guido Davico Bonino ; postfazione di Paolo Bosisio

Por: Goldoni, Carlo, 1707-1793Colaborador(es): Bosisio, Paolo | Bonino, Guido Davico [ed]Tipo de material: TextoTextoSeries Einaudi Tascabili. Stile Libero ; 1013Detalles de publicación: Torino (Italia): Einaudi, 2002Descripción: XIV, 150 p 20 cm + 1 videocassetteISBN: 88-06-16285-3Tema(s): Literatura dramática -- Italia -- S.XVIII | Comedia del Arte -- Italia -- S.XVIIIResumen: La prima versione integrale in video del leggendario «Arlecchino» diretto da Strehler nel 1973. È l'edizione detta «dei carri», con il grandissimo Ferruccio Soleri. Il capolavoro di Goldoni diventa la fonte perenne del nuovo modo di fare teatro. Due ore di puro teatro, e di pura felicità. Nel libro Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni e uno scritto di Paolo Bosisio. Nel video di 117' Arlecchino servitore di due padroni, regia di Giorgio Strehler, regia televisiva di Carlo Battistoni. In collaborazione con Il Piccolo Teatro di Milano. Il libro Strehler, nel 1947, chiamò Arlecchino servitore di due padroni il testo di Goldoni Il servitore di due padroni, nel quale l'autore si rifaceva alla tradizione di improvvisazione della Commedia dell'Arte. Da allora, negli oltre cinquant'anni di edizioni del Piccolo Teatro - sempre rinnovate, tutte diverse -, quella di Goldoni/Strehler è diventata nel mondo l'opera piú amata dell'intero teatro italiano. Con piccoli miracoli: come scoprire che l'improvvisazione di un attore sublime - Arlecchino/Moretti che mangia una mosca - era già stata "inventata", appunto, nella Commedia dell'Arte... Il lettore potrà confrontare da solo l'edizione goldoniana classica che presentiamo nel libro - arricchito da uno scritto di Paolo Bosisio sulla fortuna, da Goldoni a Strehler, della figura di Arlecchino - con ciò che gli attori dicono e fanno nel video. Il video È una delle edizioni piú belle dell'Arlecchino di Strehler, quella del 1973, detta «dei carri», che si avvale anche della morbida regia televisiva di Carlo Battistoni. Arlecchino è qui Ferruccio Soleri, al colmo delle sue qualità atletiche e di attore. Ha scritto lo stesso Strehler di questa edizione: «Il gioco degli attori "girovaghi", della "compagnia italiana" che percorre il mondo con i suoi carri pieni di teatro è esaltato, ma intatto appare il gioco di Arlecchino che disperatamente cerca di servire due padroni per spegnere la sua fame universale. Sotto il gioco iridescente è sempre presente il mondo dei comici che recitano ogni sera con fatica il tema dei rapporti tra servi e padroni, tra chi può permettersi il gioco dei drammi d'amore e chi deve arrangiarsi come meglio può per arrivare al domani». Regia di Giorgio Strehler. Scene e costumi di Ezio Frigerio. Musiche di Fiorenzo Carpi. Regia televisiva di Carlo Battistoni. Con Ferruccio Soleri, Gianrico Tedeschi, Ginella Bertacchi, Enzo Tarascio, Giancarlo Dettori, Anna Saia, Franco Graziosi, Marisa Minelli
Star ratings
    Valoración media: 0.0 (0 votos)
Existencias
Tipo de ítem Biblioteca actual Ubicación en estantería Signatura Estado Fecha de vencimiento Código de barras
Fondo moderno Fondo moderno CDAEM
Sede de Argumosa GOL.C \ SER \ ITA \ (45) Disponible 0025353119285

Forma parte de: Arlecchino servitore di due padroni / Goldoni/Strehler

La prima versione integrale in video del leggendario «Arlecchino» diretto da Strehler nel 1973. È l'edizione detta «dei carri», con il grandissimo Ferruccio Soleri. Il capolavoro di Goldoni diventa la fonte perenne del nuovo modo di fare teatro. Due ore di puro teatro, e di pura felicità. Nel libro Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni e uno scritto di Paolo Bosisio. Nel video di 117' Arlecchino servitore di due padroni, regia di Giorgio Strehler, regia televisiva di Carlo Battistoni. In collaborazione con Il Piccolo Teatro di Milano. Il libro Strehler, nel 1947, chiamò Arlecchino servitore di due padroni il testo di Goldoni Il servitore di due padroni, nel quale l'autore si rifaceva alla tradizione di improvvisazione della Commedia dell'Arte. Da allora, negli oltre cinquant'anni di edizioni del Piccolo Teatro - sempre rinnovate, tutte diverse -, quella di Goldoni/Strehler è diventata nel mondo l'opera piú amata dell'intero teatro italiano. Con piccoli miracoli: come scoprire che l'improvvisazione di un attore sublime - Arlecchino/Moretti che mangia una mosca - era già stata "inventata", appunto, nella Commedia dell'Arte... Il lettore potrà confrontare da solo l'edizione goldoniana classica che presentiamo nel libro - arricchito da uno scritto di Paolo Bosisio sulla fortuna, da Goldoni a Strehler, della figura di Arlecchino - con ciò che gli attori dicono e fanno nel video. Il video È una delle edizioni piú belle dell'Arlecchino di Strehler, quella del 1973, detta «dei carri», che si avvale anche della morbida regia televisiva di Carlo Battistoni. Arlecchino è qui Ferruccio Soleri, al colmo delle sue qualità atletiche e di attore. Ha scritto lo stesso Strehler di questa edizione: «Il gioco degli attori "girovaghi", della "compagnia italiana" che percorre il mondo con i suoi carri pieni di teatro è esaltato, ma intatto appare il gioco di Arlecchino che disperatamente cerca di servire due padroni per spegnere la sua fame universale. Sotto il gioco iridescente è sempre presente il mondo dei comici che recitano ogni sera con fatica il tema dei rapporti tra servi e padroni, tra chi può permettersi il gioco dei drammi d'amore e chi deve arrangiarsi come meglio può per arrivare al domani». Regia di Giorgio Strehler. Scene e costumi di Ezio Frigerio. Musiche di Fiorenzo Carpi. Regia televisiva di Carlo Battistoni. Con Ferruccio Soleri, Gianrico Tedeschi, Ginella Bertacchi, Enzo Tarascio, Giancarlo Dettori, Anna Saia, Franco Graziosi, Marisa Minelli

BCMG

No hay comentarios en este titulo.

para colocar un comentario.

Con tecnología Koha